Sesta Festa dell’Albero a Villa Cagnola

Sesta Festa dell’Albero a Villa Cagnola

Con la partecipazione degli alunni della scuola primaria di Gazzada Schianno

Giovedì 7 novembre si è tenuta a Villa Cagnola di Gazzada Schianno la sesta Festa dell’albero, organizzata

in collaborazione con il Comune di Gazzada Schianno, l’Istituto Comprensivo “Don Guido Cagnola” di

Gazzada Schianno e con il supporto di Nicora Garden, del Club Alpino Italiano sezione di Gazzada Schianno

e della Pro Loco di Gazzada Schianno.

Protagoniste come sempre, per il sesto anno consecutivo, le classi terze della Scuola Elementare di Gazzada

che contribuiscono alla cura e alle nuove piantumazioni nel parco storico di Villa Cagnola.

Obiettivo dell’evento è quello di focalizzare l’attenzione dei bambini sull’importanza degli alberi nella vita

degli uomini, un obiettivo educativo e per la vita molto importante, che rientra in ambito interdisciplinare

nel piano di studi delle classi terze e contribuisce a rafforzare nelle nuove generazioni il concetto di cura e

salvaguardia del verde.

Giovedì, dopo i saluti istituzionali, i “giovani agronomi” sono stati accolti da Mons. Eros Monti, Direttore di

Villa Cagnola che ha spiegato loro, insieme al signor Nicora, la ricchezza e la bellezza dello straordinario

parco e delle varietà arboree che compongono il paesaggio.

L’iniziativa rientra tra le attività messe in atto dalla direzione di Villa Cagnola per far conoscere e valorizzare

le bellezze e la ricchezza degli alberi presenti nel parco dell’antica dimora.

Inoltre, grazie a questo progetto il Parco Storico si rinnova e si è arricchito, anche quest’anno, di nuovi

esemplari offerti da Nicora Garden che sin dal primo anno sponsorizza con piacere questo evento.

I bambini delle classi terze hanno seguito con attenzione le spiegazioni degli esperti e ascoltato gli

interventi dei rappresentanti dell’Amministrazione comunale. Dopo un momento conviviale (merenda e

cioccolata preparata in Villa Cagnola), hanno percorso il Parco e messo a dimora due nuovi alberi.

Gli alunni hanno un po’ ricalcato le orme di Elzéard Bouffier, protagonista del racconto toccante di Jean

Giono, che conservava con amore non gioielli o monete d’oro, ma ghiande, tesoro per tutto il suo villaggio

e ispirazione per  i lettori del libro. 

Ringraziamo tutte le persone che hanno permesso ai nostri alunni questa esperienza  gioiosamente

“green”.

Per visionare le foto, clicca qui

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.